logo

 

ESAMI DI STATO: TRACCE E SOLUZIONI II^ PROVA

Per segnalazioni  postmaster@iisteramo.it

 TF25: CHIMICO

Anno

Disciplina

Traccia

Descrizione

Soluzione

2014

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

1) In un impianto continuo si vuole ossidare con aria atmosferica, su un opportuno catalizzatore selettivo, un composto organico volatile, liquido a temperatura ambiente. Il prodotto ossidato si separa dal miscuglio di reazione per assorbimento con acqua....

2) In un reattore continuo a tino ben agitato (CSTR) si alimenta una miscela reagente con una portata complessiva F = 2 kg/s....

3) I regolatori in retroazione impiegati nei processi chimici, come pure in altri settori, utilizzano sovente l’algoritmo PID, così denominato poiché si basa su tre modalità di azione: .....

Proff. Bartolomeo Piscopo e Mariano Calatozzolo, Itis «Molinari», Milano 

 

2013

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Il candidato esegua il disegno dello schema descritto nel primo esercizio e, a sua libera scelta, risponda a due degli altri tre quesiti proposti.

1. Una corrente gassosa di processo, contenente gas acidi, è depurata, prima dello scarico in torcia,....

2. In un liquido organico altobollente (L) è disciolto un componente altamente volatile (C) ................

3. Le materie plastiche rappresentano da oltre mezzo secolo una classe di materiali che si diversifica ....

4. Il reattore può essere considerato, in una certa misura, il “cuore” di ogni impianto chimico ...........

Proff. Bartolomeo Piscopo e Mariano Calatozzolo, Itis «Molinari», Milano 

2012

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Si vuole sottoporre a stripping una miscela di composti organici per recuperare le frazioni volatili dal solvente altobollente. Tutti i componenti la miscela sono immiscibili con l'acqua e hanno una densità inferiore a quella...

Proff. Bartolomeo Piscopo e Mariano Calatozzolo, Itis «Molinari», Milano

2011

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Una miscela di due liquidi viene sottoposta a rettifica discontinua, con riflusso variabile, in una colonna a piatti operSi vuole sottoporre a stripping una miscela di composti organici per recuperare le frazioni volatili dal solvente altobollente.

proff. Bartolomeo Piscopo e Mariano Calatozzolo, Itis «Molinari», Milano

2010

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Una miscela di due gas viene sottoposta a lavaggio in controcorrente con un solvente selettivo al fine di separarli ed utilizzarli in operazioni successive. L’operazione viene condotta in una colonna a riempimento nella quale il .......

proff. Bartolomeo Piscopo e Mariano Calatozzolo, Itis «Molinari», Milano

2009

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

In una soluzione acquosa è disciolto un composto organico a bassa concentrazione. Tale composto può essere estratto dalla soluzione con un solvente organico non miscibile con l’acqua .........

proff. Bartolomeo Piscopo Mariano

Calatozzolo ITIS Molinari - MI

2008

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

La miscela presenta una composizione Xf=0,30 e da essa si vuole ottenere un distillato avente composizione Xd=0,975 ed un residuo di coda con Xw=0,020 L’operazione di rettifica continua .

proff. Bartolomeo Piscopo;

Mariano Calatozzolo ITIS Molinari - MI

2007

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Una miscela di due composti organici il cui comportamento può essere ritenuto ideale viene inviata in una colonna di rettifica continua al fine di separare i due componenti in prodotto ..

proff. Bartolomeo Piscopo ,

Mariano Calatozzolo ITIS Molinari - MI

2006

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

Una miscela di composti organici viene inviata ad una colonna di stripping operante a pressione superiore a quella atmosferica al fine di separare tra loro le frazioni più volatili da quelle meno volatili. .....

proff. Bartolomeo Piscopo, Mariano

Calatozzolo ITIS Molinari - MI

2005

Tecnologie Chimiche Industriali, Principi di Automazione e di Organizzazione Industriale

In un “reattore discontinuo ben agitato” (well stirred tank reactor) un liquido reagisce con un gas grazie ad un catalizzatore allo stato solido, finemente suddiviso, disperso nella massa liquida. .....

proff. Bartolomeo Piscopo , Mariano

Calatozzolo ITIS Molinari - MI

TF45: INFORMATICA "ABACUS"

Anno

Disciplina

Traccia

Descrizione

Soluzione

2016

Soluzione prova scritta di Sistemi e Reti Esame di Stato 2016

 

Una scuola superiore con 1000 studenti è ospitata in un moderno edificio a due piani. Negli uffici di segreteria e presidenza, situati al piano terra, ci sono 15 postazioni di lavoro fisse connesse da un’infrastruttura di rete Ethernet...

Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo

2016

Soluzione  simulazione prova di Sistemi e Reti proposta dal Miur Esempio 2  Esame di Stato 2016

 

Diverse aziende nello svolgimento delle proprie attività si avvalgono di una “flotta aziendale”, cioè un insieme di automezzi condotti da autisti alle proprie dipendenze. La società ACME offre soluzioni SaaS (Software as a Service) e vuole fornire alle aziende sue clienti un servizio di "Fleet Management" (Gestione della flotta) ...

Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo

2016

Soluzione  simulazione prova di Sistemi e Reti proposta dal Miur Esempio 1  Esame di Stato 2016

 

Un giornale locale negli anni novanta realizzò una propria banca dati telematica per la distribuzione elettronica di un notiziario settimanale. Gli utenti, previo abbonamento, si collegavano via modem e linea telefonica...

Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo

2015

Soluzione  prova informatica  Esame di Stato 2015

 

Si vuole realizzare una web comunity per condividere dati e commenti relativi a eventi dal vivo...

Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo

2015

Simulazione II prova  prova d'informatica proposta dal Miur  

Il Consorzio di un formaggio tipico...

 

Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo

2014

SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI

Una casa automobilistica, per assicurare l’assistenza alla propria clientela, ha costituito, su tutto il territorio nazionale, una rete di officine. L’officina centrale ha il compito di gestire tutte le altre: archivia le informazioni di ogni singola officina (codice officina, denominazione, indirizzo) e memorizza in particolare i dati: a. sui pezzi di ricambio (codice pezzo, descrizione, costo unitario, quantità,...);...............

Corriere della Sera

1^parte Hardware e schemi

2^ parte Sviluppo software

Soluzione prof. Salvatore Salzano - Terea Millardo- Saraniti  IT Faravelli, di Stradella Pavia

2013

INFORMATICA

Una Società Aeroportuale commissiona lo sviluppo di un software per la gestione dei controlli passeggeri e merci nei vari punti di dogana presenti in un Aeroporto Internazionale. Si richiede la memorizzazione, per ogni controllo effettuato, dei dati relativi a: 1. passeggero  ............... ; 2. merce trasportata .................; 3. controllo effettuato punto di controllo, ......................

Proff. Alessandra Valpiani e Antonio Garavaglia, Itis Lagrange, Milano

2012

SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONII

Un gruppo amatoriale do appassionati di gare automobilistiche, desidera organizzare una competizione di corsa su strada, suddivisa in 6 prove speciali. Su ciascuna tratta saranno posizionati 5 sensori di rilevazione dei tempi:

Soluzione prof. Salvatore Salzano - IT Faravelli, di Stradella Pavia

Soluzione hardware - Proff. D.Capezzuto, A.Garavaglia, Itis Lagrange, Milano-

Soluzione software - Proff. D. Capezzuto, A. Garavaglia, Itis Lagrange, Milano-

2011

INFORMATICA

Il Ministero dell’Ambiente commissiona lo sviluppo di un nuovo Sistema Informativo per censire la fauna e la flora presenti nei vari parchi naturali di ciascuna regione. Le informazioni della fauna da raccogliere riguardano l’ordine di appartenenza ....

prof. M.De Berardis Itis «E.Alessandrini», Teramo

proff. A. Garavaglia e A.Valpiani,

Itis «Lagrange», Milano

2010

SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI

I recenti eventi sismici e le conseguenze catastrofiche spingono gli Enti e le Amministrazioni Locali alla ricerca di ulteriori soluzioni in grado di diffondere nel modo più rapido possibile le informazioni raccolte dai vari punti di rilevamento (PR) presenti sul territorio. Ciascun punto di rilevamento acquisisce i segnali provenienti dalle centraline provviste di sismografi.

proff. Antonio Garavaglia, Domenico Capezzuto. IIS Lagrange MI

2009

INFORMATICA

Una società telefonica desidera dotarsi di un sistema informativo che consenta ai propri tecnici l’accesso on line ad una rubrica anagrafica dei contatti, in modo che ciascun componente del gruppo possa .......

Soluzione prof. Salvatore Salzano - IT Faravelli, di Stradella Pavia

proff. Antonio Garavaglia, Alessandra Valpiani ITIS Lagrange MI 

La Stampa

2008 *

SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI

Il proprietario di una catena di supermercati intende aprire dieci nuovi punti di vendita. La sede centrale comprende uffici e due magazzini collegati mediante una rete locale. Ciascun punto di vendita .....

proff. Domenico Capezzuto, Alessandra Valpiani ITIS Lagrange MI

2007

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Un negozio on line chiede che sia progettato e realizzato un database per l’organizzazione e la gestione di un portale per la vendita di libri su Internet. Il negozio richiede che: ........

proff. Alessandra Valpiani, Antonio Garavaglia ITIS Lagrange MI

http://studenti.scuole.bo.it

Tramontana

2006

**

SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI

L’editore di un quotidiano locale che insiste sul territorio di una piccola provincia, decide di offrire ai suoi lettori alcuni nuovi servizi on-line. .....

prof. Mauro De Berardis
Itis «E. Alessandrini», Teramo

prof. Vinciguerra Guido

2005

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Una etichetta discografica indipendente chiede che sia realizzata una base di dati utile all’archiviazione ed alla gestione delle proprie produzioni musicali, anche al fine di .......

prof. Mauro  De Berardis  Itis
  «E. Alessandrini», Teramo

proff. Domenico Capezzuto, Antonio Garavaglia IIS Lagrange MI

Tramontana

2004

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Un istituto scolastico deve partecipare ad un progetto transnazionale che prevede lo scambio di informazioni (materiali didattici, materiali amministrativi, ecc.) via Internet e via posta elettronica tra scuole di diversi paesi europei. Prendendo spunto da questa iniziativa, viene pianificata la realizzazione di una rete scolastica che consenta di: a) collegare ad Internet: .......

proff. D. Capezzuto, A. Garavaglia Itis Lagrange MI,  U. Torelli Itis Feltrinelli MI

prof.Nicola Motroni

ITIS "O. Belluzzi" Lab. Sistemi

proff. A. HéninHenin, G. Vinciguerra

prof.Murizio Cozzetto

2003

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Un vivaio vuole realizzare una base di dati per gestire le sue attività di vendita di piante e le sue
attività esterne. Si vogliono memorizzare, oltre alle informazioni generali sulle diverse specie di piante, anche quelle relative alle specifiche piante presenti nel vivaio...

Tramontana

http://studenti.scuole.bo.it

proff. D. Capezzuto, A. Garavaglia Itis Lagrange MI, U. Torelli Itis Feltrinelli MI

2002

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Una associazione Banca del Tempo vuole realizzare una base di dati per registrare e gestire le attività dell'associazione. La Banca del Tempo (BdT) indica uno di quei sistemi organizzati di persone che si associano per scambiare servizi e/o saperi, attuando un aiuto reciproco..

Tramontana

http://studenti.scuole.bo.it

Atlas

2001

ELETTRONICA e

TELECOMUNICAZIONI

Si deve multiplare in FDM tre canali fonici che, in banda base, presentano le seguenti caratteristiche: 1° canale: banda lorda (0-4) kHz; ........

prof. Francesco Marino

2000

INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

La società di servizi turistici "Vacanze" vuole condurre una indagine sul gradimento dei 10 'pacchetti' di vacanze organizzate che costituiscono il suo catalogo. ......

Atlas

TRACCE TEMI di INFORMATICA  1995   1996   1997   1998      1999

* Prova simile a quella data nel 2006 per l'abilitazione alla professione di perito industriale. ** Prova simile al 1° tema di Elettronica e Telecomunicazioni 2006 ! !

TF50: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Anno

Disciplina

Traccia

Descrizione

Soluzione

2014

ELETTRONICA

Un dispositivo per la generazione di segnali analogici rispettivamente onda quadra, onda triangolare e sinusoidale è realizzato mediante lo schema in figura secondo le specifiche circuitali di seguito riportate:

Proff. Massimo Mastroserio e Mario Mariani  ITIS Feltrinelli MI

2013

Telecomunicazioni

 Un sistema di monitoraggio delle condizioni chimico-fisiche delle acque di un allevamento ittico è costituito da nove sensori che forniscono in uscita segnali analogici con banda di frequenze comprese tra 100 e 200 Hz e range di variabilità in tensione pari a 90 mV. .......

I dati ottenuti devono essere organizzati in una trama PCM che utilizza per la conversione A/D ........

Proff. Massimo Mastroserio e Mario Mariani  ITIS Feltrinelli MI

Disegni

Prof.  Pierpaolo Maini

da www.rosatelli.it/

2012

SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI

Si vuole realizzare un dispositivo elettronico che sia in grado di misurare la distanza da un oggetto, utilizzando una coppia di capsule ultrasoniche funzionanti ...

da www.rosatelli.it/

2011

ELETTRONICA

In un sistema automatizzato di riempimento e pesatura vengono impiegati due trasduttori. Il primo è un trasduttore ad ultrasuoni ed è impiegato per rilevare la posizione di un recipiente in cui deve essere versata una quantità prefissata di materiale

Prof. L. Tozzi – ITIS “E. Fermi” di Manfredonia

2010

Telecomunicazioni

Una rete Aziendale è suddivisa in tre sottoreti..................

Commento: Proff. M. Mastroserio e G.Riffaldi, Itis «Feltrinelli», Milano

Tramontana - Pierpaolo Maini

2009

SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI

Si vuole monitorare, con cadenza di acquisizione pari a 10 secondi, la temperatura durante il processo di produzione di una particolare fibra plastica.

Proff. M. Mastroserio,  G. Riffaldi

ITIS Feltrinelli MI

Prof. G. Spalierno ITIS Panetti Bari

2008

elettronica

Si deve rilevare l’umidità relativa RH % presente in un ambiente, nell’intervallo 10%÷90%, e visualizzarla su di un display numerico......

Proff. Giampiero Redondi ITIS Galvani MI

U. Torelli - ITIS Feltrinelli MI

Prof. G.Spalierno ITIS Panetti Bari

2007

Telecomunicazioni

Si vuole campionare, digitalizzare e trasmettere su linea numerica seriale un segnale in tensione che passa ciclicamente da -2,5 [V] a +2,5 [V]........

proff. G. Redondi ITIS Galvani MI,      U.Torelli ITIS Feltrinelli MI

BT Scuola

2006

*

SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI

Il sistema di irrigazione, che è azionato da una pompa ad immersione sempre sotto tensione, posizionata sul fondo di un pozzo di 30 m, invia l’acqua ......

Proff. Giampiero Redondi ITIS Galvani MI - Umberto Torelli ITIS Feltrinelli MI

2005

ELETTRONICA

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico per la generazione d’energia elettrica di cui è dotata.....

Proff. G. Redondi - ITIS Galvani MI ,  U. Torelli - ITIS Feltrinelli MI

2004

Telecomunicazioni

Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici in una trama PCM a 8 bit,..
Traccia 2

L'assessorato al turismo di una provincia di medie dimensioni vuole informatizzare la gestione delle prenotazioni negli alberghi ......

Proff. R. Scaccianoce ITIS Giorgi MI,  M. Stefania ITIS Galvani MI, . U. Torelli ITIS Feltrinelli MI

prof. Paolo Guidi - Loescher Editore

2003

ELETTRONICA

Un sistema elettronico di registrazione e visualizzazione dell’attività elettrica del cuore è realizzato secondo lo schema a blocchi riportato in figura…… Il segnale elettrico, proveniente dai due elettrodi applicati ....

proff, E. Impallomeni Itis Giorni, MI,  M. Mastroserio Itis FeltrinellI MI,. U. Torelli Itis Feltrinelli, MI

2001

SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI

Dalle misure eseguite con un segnale sinusoidale su di un impianto si è verificato che esso: 1. è soggetto in ingresso ad un disturbo additivo ....

Traccia 2

Si vuole sviluppare un sistema di monitoraggio dello stato di occupazione in un parcheggio .......

Traccia 1 e 2

proff. D.Capezzuto, ITIS Lagrange MI,  E. Impallomeni ITIS Giorgi MI , U. Torelli, ITIS Feltrinelli MI

Traccia 1 Ing. Cesare Utizi

2000

Telecomunicazioni

Ad intervalli regolari di Tc=1.6 [ms] un dispositivo di lettura segnala in modo indipendente le irregolarità presenti sulle due superfici di un nastro mentre viene arrotolato associando un ‘1’ alla presenza e uno ‘0’all’assenza d’irregolarità......

Zanichelli - prof. Onelio Bertazioli

1994

1999

     

wwww.calderini.it

* il 1° tema è simile a quello di Informatica 2006 ! !

TF51: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE

Anno

Disciplina

Traccia

Descrizione

Soluzione

2014

elettrotecnica

Un motore asincrono trifase a 6 poli, collegato a stella, è alimentato alla tensione di 400 V con frequenza 50 Hz. Durante il funzionamento a pieno carico sono state misurate le seguenti grandezze:...

Prof. Attilo Zuccarello

2013

Impianti elettrici

Si desidera dimensionare la cabina di trasformazione di un’industria meccanica. La cabina, considerata terminale, è alimentata da una linea in cavo alla tensione nominale primaria di 20 kV. La cabina deve alimentare in BT:

Proff. Angelo Mastrodascio e Marcello Farinelli, ITIS «E. Alessandrini», Teramo 

2012

elettrotecnica

Un sistema di sbarre alimenta, alla tensione V1 = 6 kV e frequenza f = 50 Hz, 2 motori asincroni trifase. Il primo motore presenta i seguenti valori nominali:

Proff.Pupo, Sabato Di Pietro e Giuseppe Conidi, Itis «Leonardo Da Vinci», Carate Brianza

2011

Impianti elettrici

Nel reparto di lavorazione sono presenti 27 macchine, disposte su tre identiche file parallele da 9 macchine, tutte azionate da un motore asincrono trifase le cui potenze nominali sono rispettivamente 3 macchine di 4 kW, 3 macchine di 2,2 kW e 3 macchine di 1,5 kW.

proff. Francesco Pupo e Sabato Di Pietro, Itis «Leonardo Da Vinci», Carate Brianza

2010

elettrotecnica

Una linea elettrica trifase, avente resistenza di 3,2 Ω e reattanza di 6,0 Ω, alimenta a 400 V–50 Hz un motore asincrono trifase a gabbia di scoiattolo da 20 kW a 6 poli. Il motore presenta, a pieno carico, le seguenti caratteristiche:

proff. Francesco Pupo e Sabato Di Pietro, Itis «Leonardo Da Vinci», Carate Brianza

2009

Impianti elettrici

Un complesso residenziale comprende le seguenti utenze: cinque villette con box auto separato e giardino privato, potenza contrattuale di ognuna 6 kW; un’area condominiale con viale a percorrenza ......

proff Francesco Pupo, Sabato Di Pietro

ITIS Leonardo Da Vinci, Carate Brianza

2008

elettrotecnica

Due trasformatori con le seguenti caratteristiche: ..........., sono collegati in parallelo per alimentare, alle loro tensione nominale di 380V, i seguenti tre motori asincroni trifase a 4 poli: .........

proff Francesco Pupo, Sabato Di Pietro

ITIS Leonardo Da Vinci, Carate Brianza

2007

Impianti elettrici

Si deve dimensionare l’impianto elettrico per l’illuminazione di una strada lunga circa 540 m. In accordo con i calcoli illuminotecnici effettuati, si utilizzano: .......

proff Francesco Pupo, Sabato Di Pietro

ITIS Leonardo Da Vinci, Carate Brianza

2006

IMPIANTI ELETTRICI

Un piccolo ristorante – bar è ubicato al piano terra di un edificio ed è composto da un locale cucina con relativa zona per il lavaggio stoviglie, un locale bar, una sala ristorante, un piccolo deposito .......

proff Francesco Pupo, Sabato Di Pietro

ITIS Leonardo Da Vinci, Carate Brianza

2005

ELETTROTECNICA

Una macchina in corrente continua, funzionante da dinamo con eccitazione indipendente, viene mantenuta in rotazione da un motore asincrono trifase a 4 poli e con gli avvolgimenti statorici ......

proff Sabato Di Pietro, Francesco Pupo

ITIS Leonardo Da Vinci, Carate Brianza

TF52: MECCANICA

Anno

Disciplina

Traccia

Descrizione

Soluzione

2014

Meccanica applicata e

Macchine a fluido

1)Un verricello con diametro del tamburo di 200 mm deve sollevare una portata di 15 kN alla velocità di regime di 0,9 m/s, da raggiungere nel tempo di 1 secondo...

2) Lo schema di Fig. 1 rappresenta una smerigliatrice con due mole, azionata da un motore elettrico,tramite una trasmissione con cinghie trapezoidali.L’albero di trasmissione delle mole è sostenuto, negli appoggi, da perni su cui sono montati duecuscinetti a sfere...

Proff. Giuseppe Tripiciano e Fabio Mancini, Itis «Maxwell», Milan

2013

Disegno, progettazione ed organizzazione industriale

L’albero di trasmissione rappresentato in figura trasmette una potenza P = 25 kW con una velocità di rotazione di 1500 giri/min. L’albero, supportato da cuscinetti rigidi a sfere, riceve il moto da un motore elettrico attraverso un giunto elastico, e lo trasferisce mediante una puleggia ad un ventilatore ......

Proff. Giuseppe Tripiciano e Fabio Mancini, Itis «Maxwell», Milano

2012

Meccanica applicata e

Macchine a fluido

Lo schema rappresenta un albero per motore elettrico che deve trascinare una puleggia calettata ad un’estremità. L’albero del rotore è sostenuto, negli appoggi A e B, da due perni, uno intermedio tra rotore e puleggia ed uno all’estremità opposta rispetto alla puleggia. Il rotore e la puleggia siano calettat  isull’albero tramite linguette

Proff. Giuseppe Tripiciano e Fabio Mancini, Itis «Maxwell», Milan

2011

Disegno, progettazione ed organizzazione industriale

Un argano, azionato manualmente tramite una manovella, utilizza il riduttore rappresentato in figura. Il riduttore realizza tre salti di velocità attraverso l’accoppiamento di 6 ruote dentate a denti diritti come di seguito descritto

Proff. Di Giuseppe Tripiciano e Fabio Mancini, Itis «Maxwell», Milano

2010

Meccanica applicata e

Macchine a fluido

Lo schema rappresentato in Fig. 1 rappresenta un innesto a frizione conico con il quale si deve trasmettere la potenza di 125 kW tra due alberi che ruotano a 2.000 giri/min.

proff. Giuseppe Tripiciano e Fabio Mancini, Itis «Maxwell», Milano

2009

Disegno, progettazione ed organizzazione industriale

Nel disegno allegato è rappresentato un albero che trasmette una potenza di 100 kW alla velocità angolare di 1450 giri/min. La ruota dentata calettata su di esso per mezzo del profilo scanalato .....

proff. Giuseppe Tripiciano, Fabio Mancini ITIS Maxwell, MI

2008

Meccanica applicata e

Macchine a fluido

Lo schema riportato in figura rappresenta un motore elettrico che eroga una potenza nominale di 20 kW ad un regime di 750 giri al minuto e, attraverso un giunto rigido ......

proff. Fabio Mancini, Giuseppe Tripiciano, ITIS Maxwell, MI

2007

Disegno, progettazione ed organizzazione industriale

Il tamburo di un verricello ad asse orizzontale, sul quale si avvolge una fune metallica, presenta un diametro pari a 300 mm e una lunghezza di 600 mm; esso è realizzato con due dischi, ......

proff. Giuseppe Tripiciano, Fabio Mancini ITIS Maxwell, MI

2006

MECCANICA APPLICATA E

MACCHINE A FLUIDO

Si debba trasmettere una potenza di 7,5 kW da un motore elettrico avente velocità angolare di 1450 giri/min ad una macchina operatrice funzionante a 225 giri/min. .......

www.malignani.com

2005

Disegno, progettazione ed organizzazione industriale

Una pompa a stantuffo, a semplice effetto, è azionata da una manovella d’estremità che ruota alla velocità di 150 gir/min. I dati di targa della macchina sono: portata Q = 15 dm3/s di acqua; ......

proff. Giuseppe Tripiciano, Fabio Mancini ITIS Maxwell, MI

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio della libera professione di Perito Industriale

Tracce  prove scritte